Francesco polvere di Dio, è uno spettacolo teatrale scritto, diretto e interpretato dall’attore umbro Riccardo Tordoni. Una bella e interessante prova di monologo contemporaneo che sfida ogni sorta di censura e si pone a stretto servizio del pubblico; con il quale, il più delle volte, instaura un simpatico e diretto colloquio.

tordoni

“Francesco polvere di Dio”, allestito al teatro comunale di Panicale, in provincia di Perugia, vuole far luce senza troppe decorazioni e merletti sulla figura santificata e pur sempre piena di critiche del poverello d’Assisi. L’attore e un compare con la chitarra accompagnano lo spettatore in un contesto storico, quello in cui si svolse la vicenda, riagganciandolo ai problemi odierni del mondo e della società con la sola forza di un dialogo che cerca esempi e paragoni nelle cose più semplici della quotidianità.

Cercare Dio, o meglio, il pensiero francescano e le ragioni che spinsero Francesco di Bernardone a fare della sua vita passata l’ultimo straccio da togliersi dinnanzi a tutta la città. Cercarlo nelle piccolezze di un mondo che è tuttora prepotentemente violento e dissestato; sotto certi punti di vista è più evidente tale diversità ancor peggiore.

francesco-polvere-di-dio.jpg

Non è una missione religiosa, tant’è che l’unico attore della messa in scena lo spiega attraverso una sarcastica e gioiosa presentazione iniziale. È una cronaca dei fatti e dei sentimenti che affollano nella mente di ognuno di noi. Due uomini, due esseri nella stessa persona proprio a identificare la duplicità della vita e delle reazioni umane, spesso indecifrabili e misteriose. Un monologo alla Paolini che, dai tempi più remoti del “Mestér de juglaría”, passando per il dialogo cortese e rinascimentale e poi per tutta la letteratura del novecento, ha sempre cercato di mescolare con astuzia e frivolezza reale e fantastico; storicità da cronaca a buffoneria giullaresca. Così agisce Tordoni, ponendo a servizio della verità storica un pensiero proprio geminato da continui paragoni e spunti comici che si rifanno alla drammatica esperienza consumistica moderna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here