Birra e bici in Belgio

di Ettore Arcangeli

Cos’è che può unire belgi, italiani, francesi, olandesi, cambogiani e colombiani?!

Ve lo dico io: lo sport.

E nel caso particolare, la Liegi-Bastogne-Liegi: una delle corse ciclistiche più antiche e prestigiose.

Vivendo da qualche mese in Belgio, da appassionato delle due ruote, non potevo mancare l’appuntamento con La Doyenne.

Così, coscritti i miei coinquilini cambogiani -non avevano idea di cosa fosse una corsa ciclistica- ci siamo diretti verso le Côte de Saint-Nicolas.

liegi-bastogne-liegi-arrivo
le Côte de Saint-Nicolas

Poi… l’attesa. Bisognava attendere l’arrivo della corsa, previsto in poco meno di due ore. Il sole scotta e avvampa. La temperatura sale. Non è il Belgio che conosco io: sembra quasi l’agosto italiano.

O sono io che non ci sono più abituato.

Poi una voce: “Andiamo a quel baretto!”

E ti pareva che non ci fossero italiani anche qua!

La voce veniva dall’altra parte della strada, oltre le transenne che delimitano la zona vicina alla sommità del muro, l’ultimo che i ciclisti dovranno affrontare prima dell’arrivo pochi chilometri più avanti.

Quella voce si era però persa tra la folla. Però l’idea è buona  e scendiamo la strada, lungo la ripida salita che affronteranno poi i corridori, fino ad un posto meraviglioso: un baretto super tamarro e forse mezzo illegale. Sul terrazzo di una casa privata, riempita di avventori intenti a guardare la corsa sul televisore, ci sono due tavolini e un tendone. Tre tizi, con una specie di divisa, stanno al bar, ovvero dietro l’angolo della casa, all’ombra, distribuendo birra e Coca-Cola fresca di frigorifero a chi ha la fortuna di capitare da quelle parti.

liegi-bastogne-liegi-baretto
la terrazza del baretto

Come è logico che sia qui in Belgio la birra scorre a litri e permette di sopportare la canicola che si è venuta a creare.

Dopo aver bevuto, spiato un po’ della corsa dal televisore e fatto qualche conoscenza bisogna solo aspettare l’arrivo della corsa.

Da lontano si sentono grida d’incitamento e applausi. La corsa è qui, dietro l’angolo. E subito dalla curva a gomito esce il ciclista lussemburghese Bob Jungels. È solo e si appresta a vincere la corsa in solitaria. L’intera strada esplode. È uno spettacolo.

Persino i miei coinquilini cambogiani, due pesci fuor d’acqua fino a quel momento, si immedesimano e incitano, gridano e battono le mani per spingere i corridori in cima alla salita.

Il ciclismo è uno sport epico. Epico nel senso che crea epica, crea eroi, personaggi che si ergono a immagine della tenacia, del coraggio e del duro lavoro.

Ma è anche socialità, perché nel suo carattere nomade, attrae e impone un’attesa degna di essere riempita con della buona birra in compagnia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...