Ian Holm – una vita da grande caratterista

di Lorenzo Borzuola

Per la rassegna dedicata ai grandi attori dimenticati, dedichiamo questo pezzo a Ian Holm. Per quelli di voi che non lo conoscessero è Bilbo Beggins de Il Signore degli Anelli. Eppure Holm è stato, nell’arco di tutta la sua carriera, un brillante attore e caratterista, comparso in numerose e celebri pellicole.

ian-holm-photos.jpg

Nato il 12 settembre 1931 a Goodmayes, Inghilterra, Holm entrò nel mondo della recitazione nel lontano 1954; anno in cui si diploma alla Royal Academy’s of London e in cui entra nella compagnia teatrale della Royal Shaspeare Company. Abbandona il teatro intorno agli anni settanta e dedicandosi al cinema. Primo film importante è L’uomo di Kiev, del 1968 diretto da John Frankenheimer. Seguiranno poi ruoli storici in pellicole come Maria Stuarda, Robin e Marion, o Nicola e Alessandra. Ma il primo vero ruolo di Holme è senza ombra di dubbio quello di Ash, l’androide di Alien. Con il regista e amico Terry Gilliam parteciperà ad ulteriori cult come I banditi del tempo e Brazil. Non mancheranno ruoli shakespeariani come quello di Polonio nell’Amleto di Franco Zeffirelli, o quello di Fluellen in Enrico V diretto da Kenneth Branagh. Con quest’ultimo tornerà a lavorare nel 1994 con Frankenstein di Mary Shelley, a fianco di Helena Bonham Carter e Robert De Niro.

David Cronenberg lo vorrà prima ne Il pasto nudo, del 1991, e poi nel fantascientifico Existenz, del 1999. Seguiranno molte altre pellicole dirette dai registi più svariati come Steven Soderberg, Allen e Albert Hughes, Sidney Lumet, Luc Besson, Martin Scorsese e Danny Boyle. Tuttavia è fu proprio il ruolo di Bilbo, lo hobbit scopritore dell’anello, a ridare slancio e lustro alla carriera di Holm; almeno tra il pubblico dei più giovani. Peter Jackson, nella saga creata da Tolkien, da ad Holm la parte dell’anziano zio del protagonista Frodo. Una parte che, sebbene la breve durata, rimane un bell’esempio di recitazione.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ed è proprio questo a fare di Holm un grande eclettico e unico; a parte l’esperienza, è il fisico a fare (anche) la differenza. Lo si ritrova infatti nei panni di buffi personaggi; solo quando si scopre che questi nascondono qualcosa di estremamente importante si capisce che grande attore egli sia.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...