Guillermo del Toro e il suo Pinocchio antifascista

di Ettore Arcangeli

Non solo Matteo Garrone ma anche Guillermo del Toro è al lavoro su un nuovo film con protagonista Pinocchio.

Il regista messicano, che ha da poco vinto quattro Oscar con The Shape of Water, sta lavorando insieme a Netflix per far rivivere nuovamente il burattino più famoso di sempre, questa volta con un film d’animazione a passo uno. Nel ruolo di regista, produttore e sceneggiatore del Toro è riuscito a riprendere un progetto del 2012, per il quale, a suo dire, è stato difficile trovare finanziatori.

Effettivamente il progetto è sicuramente rischioso, in quanto il tema è abusato. Fare un film su Pinocchio sembra essere un pallino di tutti i registi, da Walt Disney a Steven Spielberg, passando per Roberto Benigni. Questo simpatico e irriverente burattino toscano è ormai un mito mondiale.

Il mito nasce dalla penna di un giornalista toscano importante nel panorama culturale del risorgimento italiano, Carlo Lorenzini. Le avventure di Pinoccio. Storia di un burattino esce a episodi nel 1881 nella prima annata del Giornale dei bambini, settimanale per l’infanzia regalato in supplemento al quotidiano Il Fanfulla. Nel 1883 esce la prima edizione completa in volume. Da questo momento la storia del burattino verrà ripresa più e più volte, modificata, reinterpretata, attualizzata, e amata.

Pinocchio diventa un must, al quale tutti vogliono dedicare almeno una parte dei loro sforzi professionali. Sempre e comunque.

Guillermo del Toro non è da meno e grazie all’appoggio di Netflix potrà finalmente dare vita anche lui al suo Pinocchio, che dalle sue parole sarà molto interessante.

Il Pinocchio di del Toro sarà infatti un Pinocchio antifascista. Il burattino verrà calato nel bel mezzo dell’Italia fascista e si troverà diverso da tutti gli altri. Se prima la diversità era il suo essere di legno, ora è la sua ribellione al regime fascista a renderlo differente da tutti gli altri. In fondo Pinocchio è per definizione un diverso, ribelle e anticonformista, sempre alla ricerca della libertà.

Un perfetto antifascista.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...