La bravura che accompagna ormai da anni l’attore americano Tom Hanks è legata al suo status di brav’uomo (in tutti i sensi della parola), e di conseguenza di attore buono.

Tom Hanks, nato a Concord il 9 luglio 1956, ha sulle sue spalle una sfilza di ruoli comici, drammatici, demenziali, ma nessuno di questi è però negativo. Hanks nasce come attore positivo e continua ad esserlo in ogni film, buon film o crosta che fa. Non fa nemmeno delle croste. Perché Tom Hanks è un buono?

Sicuramente l’espressione del viso non lo rende un credibile antagonista. Poi c’è il fattore umano della vita privata e di tutti i giorni che lo segue anche sul set.

TUTTAVIA IL GIORNO CHE INTERPRETERÀ IL PRINCIPE DELLE TENEBRE, UNO STUPRATORE DI BAMBINE O ANCHE UN VECCHIETTO MALEDUCATO, CHIAMATEMI!! Eh sì, perché con tutta questa infinita bontà che gli affibbiano, finisce per essere stucchevole e scontato.

Ma che sto dicendo? Non è nemmeno banale. Non è nemmeno mai stucchevole. Tom Hanks è un uomo buono, probo e benigno, e su tali basi si è costruita la sua carriera fatta di moltissime parti, soprattutto da protagonista.

Andiamo a vederne alcune.

1) Hanks è Woody

Tim Allen è la voce di Buzz Lightyear, Tom Hanks è lo sceriffo Woody

Impossibile citare il cow boy giocattolo della saga di Toy Story: da poco è uscita il quarto episodio, non perdetevelo!
Woody è il passatempo di Andy, il ragazzino che lo tiene nella sua stanza assieme ad altri come lui: Buz, Jessie, Mr. e Mrs. Potatoes e molti altri. Ne vivranno insieme di avventure e Tom Hanks è proprio la voce del simpatico e dolce buttero che accompagna l’infanzia del suo padrone fino al giorno in cui va al college. Noi invecchiamo con lui.

2) Corri Forrest, Corri!

Non può mancare uno dei suoi personaggi più celebri. Il giovane dell’Alabama Forrest Gump compensa il suo ritardo mentale con straordinarie avventure e cose stratosferiche. Diventa un campione di Football grazie alle sue gambe, partecipa al Vietnam tornandone illeso e decorato. Vince i campionati mondiali di Ping Pong e diventa milionario con l’azienda di gamberetti. È un mito, eppure non può avere la giovane Jenny, che lui ama alla follia. Nel film di Robert Zemeckis, tante scene toccanti ma anche molte risate e tutto grazie ad Hanks. Ancora una volta!

3) Il secondino Paul Edgecombe de ‘Il Miglio Verde’

Anche nei panni di una guardia carceraria, il caro, vecchio Tom resta una persona amabile e straordinaria. Nel braccio della morte della prigione dove lavora, Paul Edgecombe vede il mondo cambiare, incontra assassini di ogni tipo, ma mai nessuno come l’enorme John Coffey: un gigante nero arrestato per aver ucciso due bambine. Eppure Coffey nasconde un segreto e lo confesserà proprio a Paul. Tratto dal romanzo di Stephen King, Il Miglio Verde resta un buon film ma sempre grazie a mister Hanks che nella sua comica naturalezza stavolta fa anche piangere. Un uomo di legge, un secondino del braccio della morte ma moralmente nobile, e un uomo di tutto rispetto.

4) L’uomo che salva il mondo nelle opere di Dan Brown

Tom Hanks nei panni di Robert Langdon

Per ben tre volte Hanks è stato lo studioso Robert Langdon nella trilogia diretta da Ron Howard e ispirata ai romanzi di Dan Brown: Il Codice Da Vinci, Angeli & Demoni e Inferno.
I primi due abbastanza apprezzabili. Il terzo fa vergognare persino il produttore. Tuttavia nei film, come nelle opere scritte, la figura del professor Langdon si aggira tra musei, chiese e luoghi di culto per risolvere casi, enigmi e per salvare il mondo. L’angelo custode che ci protegge dai peggiori malviventi: gli intellettuali, gli studiosi e i feroci acculturati.

5) Salvate il soldato Hanks, marines senza macchia e senza peccato

Nemmeno nella tragedia della seconda guerra mondiale, soprattutto durante lo Sbarco in Normandia, Tom riesce ad essere un soldato amante della carneficina, un sadico, un figlio di puttana. Con il ruolo affidatogli dall’amico Spielberg, Hanks è il capitano John H. Miller che, spedito nell’inferno francese post D-Day, al quale anche lui partecipa, deve trovare e riportare a casa l’ultimo fratello Ryan, James Francis: ultimo superstite della famiglia. Con un gruppo di uomini, il capitano Miller si mette in cerca del soldato, e molti cadranno durante il tragitto.

Molte le pellicole alle quali Tom Hanks ha preso parte dal lontano 1980 in poi, ma veramente pochi i ruoli dell’antagonista. Si contano sulle dita. Quello di Micheal “Mike” Sullivan in Era mio padre, l’ispettore Carl Hanratty in Prova a prendermi e il grottesco truffatore e svaligia banche nel film dei Fratelli Coen, The Ladykillers.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here