Gone Girl è un film del 2014 diretto da David Fincher, con Ben Affleck e Rosamund Pike nel ruolo dei due attori protagonisti.

Nick Dunne e Amy Elliott-Dunne, interpretati rispettivamente da Ben Affleck e Rosamund Pike, sono la classica coppia perfetta. Il giorno del quinto anniversario di matrimonio, rientrando a casa, Nick scopre che sua moglie è scomparsa. Una volta chiamata la polizia e iniziate le indagini, la trama del mistero si infittisce sempre di più.

In casi come questi, senza nessun segno d’effrazione e mancando di un maggiordomo, il primo sospettato è il marito.

Nick Dunne è interrogato dalla polizia sulla scomparsa di sua moglie.

Nick Dunne non è il marito perfetto. E questo complica la sua posizione. Nick è un uomo tra le nuvole, senza un’occupazione fissa, svuotato d’energie. Non sembra nemmeno affranto. L’inespressività di Ben Affleck è tale da mettere a disagio pure gli spettatori. Nick non sa come comportarsi, è inadeguato e il suo atteggiamento attira su di lui un nugolo sempre crescente di sospetti.

La relazione clandestina con un’Emily Ratajkowski al suo esordio cinematografico, soprattutto se portata avanti nonostante la scomparsa della moglie, getta un’ulteriore ombra sulla figura di Nick.

La grande protagonista del film è però Rosamund Pike, la gone girl del titolo. Amy Elliott-Dunne non è una normale donna del Midwest. In Missouri, dove vive con Nick, c’è finita per stare vicino alla madre di lui durante gli anni della sua malattia. Ma Amy è una donna di città. Nata e cresciuta a New York, la monotonia e la tranquillità della provincia la annoiano.

Ma non è solo il suo animo urbano a turbarla. Da quando è piccola, Amy soffre dell’eterno confronto con il suo alter ego narrativo, messo su carta dai suoi genitori. La piccola Amy era ed è ancora un’istituzione letteraria. Istituzione che sembra avere una vita di maggior successo e soddisfazione della sua controparte reale.

La storia della vera Amy Elliott deve ancora essere scritta.

Rosamund Pike è Amy Elliott-Dunne

Gone Girl, tratto dall’omonimo romanzo scritto da Gillian Flynn nel 2012, racconta la storia di una coppia di individui senza più un’identità precisa. Due esseri sposati ma solitari, incapaci di comunicare e di relazionarsi in maniera sana con l’esterno.

La grande complicità che aveva accompagnato Nick e Amy Dunne all’altare si è dissolta lentamente, anno dopo anno, fino a sparire del tutto. Nick e Amy non sono più complici ma due estranei che convivono a malapena. Le loro vite si incrociano solamente nelle stanze della grande e vuota casa in cui si consumano i brevi obblighi della loro vita coniugale.

David Fincher, dalle pagine di Gone Girl, distilla un film intenso, pieno di dubbi, con poche certezze se non l’incedere incerto e sgraziato di Nick Dunne. Come ogni buon thriller, il film segue le indagini della polizia sulle tracce di Amy. Nonostante tutto, a Nick viene dato il beneficio del dubbio. Almeno fino a quando tutti gli indizi sembrano condurre alla soluzione più classica e scontata.

Nel cast del film, oltre agli attori già citati, compaiono Neil Patrick Harris, Tyler Perry, Carrie Coon e Missi Pyle.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here