Mamma ho perso l’aereo (1990) è tra i classici di Natale che più segnalano l’inizio della stagione delle feste. Dal 1991, anno della sua uscita nelle sale italiane, il film è diventato un appuntamento immancabile delle festività, insieme a Una poltrona per due e Il Grinch. Scritto e prodotto da John Hughes, con alla regia Chris Columbus, il film vede protagonista il bambino prodigio Macaulay Culkin nei panni del giovanissimo Kevin McCallister.

Il film si apre con la numerosa famiglia dei McCallister presa dai frenetici preparativi della partenza per le loro vacanze di Natale parigine. Il caos è tale che nessuno si accorge del piccolo Kevin che, ignaro di tutto, si rimette a letto. Solamente una volta arrivati a Parigi, la madre si accorgerà di aver dimenticato il figlio a casa!

Nel frattempo Kevin, felice di essere rimasto da solo proprio dopo aver espresso il desiderio che la sua famiglia sparisse, si gode i lussi e i vizi di una vita solitaria. Ma le cose prendono una piega più complicata quando la casa dei McCallister diventa l’obbiettivo di una coppia di ladri.

Macaulay Culkin in Mamma ho perso l'aereo (1990)
Macaulay Culkin nei panni di Kevin McCallister

E qui inizia la storia che tutti noi ricordiamo. Biglie, sagome di cartone e videocassette diventano le armi selezionate scrupolosamente da Kevin per difendere la propria casa dall’assalto di quei due furfanti. Il tutto mentre la la disperata signora McCallister affronta ritardi e maltempo pur di tornare a casa dall’adorato figlioletto.

Mamma ho perso l’aereo è fondamentalmente una leggera commedia per tutta la famiglia. Ma questo non impedisce a Chris Columbus di girare comunque un ottimo film, dai tempi giusti e con la giusta dose di gag umoristiche.

Il piccolo Macaulay Culkin veste i panni del protagonista. A 10 anni l’attore newyorkese diventa una vera e propria celebrità, raggiungendo un successo che non sarebbe mai stato più in grado di eguagliare in futuro. Kevin McCallister è un personaggio che, seppur ancora un bambino, si dimostra forte, coraggioso e pieno d’astuzia.

È facile identificarsi con Kevin. Tutti da piccoli abbiamo sognato di rimanere da soli a casa per fare tutto quello che avremmo voluto: dal mangiare merendine a pranzo e a cena al vedere la televisione fino a tardi. Allo stesso tempo, però, è facile anche rendersi conto di quanto in fondo la lontananza dai propri affetti pesi come un macigno quando compaiono le prime sfide e difficoltà.

I due ladri, interpretati da Joe Pesci e Daniel Stern, sono gli antagonisti per eccellenza del film. Entrati in scena come semplici furfanti, i due si dimostrano impacciati, sconclusionati e sfortunati. Anche perché farsi fregare da un ragazzino, per quanto astuto e intelligente possa essere, deve essere dura per un criminale.

Mamma ho perso l’aereo, a distanza di quasi trent’anni, riesce ancora a divertire con leggerezza tutta la famiglia, senza rinunciare a quella dose di buoni sentimenti necessaria durante le feste di Natale. Lo sguardo ironico di John Hughes, comunque, non si lascia sopraffare dalla melassa natalizia dando la possibilità anche ai più grinch del pubblico di godersi, tra una risata e l’altra, questo classico della commedia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here