Sei anni dopo averci portato dentro il mondo dei videogiochi, la Disney allarga il suo sguardo verso il vasto mondo di Internet. In Ralph spacca Internet, Ralph e Vanellope vanno in missione online per salvare il destino di Sugar Rush. Diretto da Rich Moore e Phil Johnston, il film del 2018 è il 57° Classico Disney e sequel di Ralph Spaccatutto, uscito nel 2012. Come il suo predecessore, anche questo nuovo film è stato candidato all’Oscar come Miglior film d’animazione.

La trama di Ralph spacca Internet

La vita scorre tranquilla all’interno dei videogiochi della sala giochi del signor Litwak: Ralph e Vanellope sono amici inseparabili, anche se quest’ultima è un po’ annoiata dalla monotonia dei circuiti di Sugar Rush. Quando nella sala giochi viene collegato il Wi-Fi sembra che si possa aprire un nuovo mondo, ma l’accesso a internet è interdetto ai personaggi dei videogiochi.

Per fare una sorpresa alla sua migliore amica, un giorno Ralph costruisce una nuova pista all’interno di Sugar Rush. La sorpresa è graditissima da Vanellope, ma causa la rottura del joystick da parte di una giocatrice. Troppo costoso da sostituire, causa lo spegnimento del gioco. I personaggi di Sugar Rush sono così costretti a rifugiarsi negli altri giochi.

Ralph e Vanellope decidono però di salvare la situazione. Hanno saputo che il joystick si può trovare su eBay. Inizia il loro viaggio nella immensità della rete.

La rappresentazione di Internet

Quello che Ralph e Vanellope si trovano davanti quando entrano all’interno del router Wi-Fi è strabiliante. In Ralph spacca Internet la rete viene rappresentata come un’infinita metropoli, popolata da miliardi di avatar degli utenti, i quali si spostano da un sito all’altro su delle singolari macchine volanti. La fantasia dei creativi Disney è travolgente e, allo stesso tempo, di una semplicità tale che riuscirebbe a far comprendere il funzionamento della rete a chiunque.

I nostri eroi si spostano tra siti di e-commerce, videogiochi online, social network e persino la darknet. Nessun comportamento umano sulla rete viene lasciato all’immaginazione: spam, apprezzamenti, acquisti, amicizie e commenti d’odio. Tutto ciò che può accadere in rete viene messo sul cammino dei protagonisti. La loro crescita personale passerà da come riusciranno a gestire tutta questa enorme mole di novità.

L’amicizia tossica di Ralph

Oltre a rivelare pregi e difetti della rete, in Ralph spacca Internet gli sceneggiatori portano sullo schermo un tipico caso di relazione tossica. Quella tra Ralph e Vanellope lo è a tutti gli effetti.

Ralph e Vanellope passano insieme tutto il loro tempo libero, creando una relazione affettiva di totale dipendenza dell’uno dall’altro. Quando Vanellope scopre nuove realtà e nuove possibilità per se stessa, Ralph si sente tradito e abbandonato. Il suo bisogno tossico di affetto lo porterà a mettere in serio pericolo quella che è la sua migliore amica.

Quello che viene presentato in Ralph spacca Internet è un problema molto comune nelle relazioni interpersonali. Un problema che è causa di molto dolore e sofferenza perché porta a confondere l’affetto con il possesso, con tutti i drammatici effetti che ne conseguono.

Vanellope: una principessa atipica

Tra i momenti più divertenti, e allo stesso tempo autoriflessivi, del film c’è l’incontro di Vanellope con le Principesse Disney. Non è solo un momento per la Disney per riflettere su come i propri personaggi femminili siano cambiati nel corso del tempo, ma anche per la stessa Vanellope per capire quale sia il suo sogno, ciò che la renderà felice nei prossimi anni.

Ralph spacca Internet è un film molto più maturo di quello che possa sembrare. Mette i protagonisti e gli stessi spettatori davanti alle difficoltà di bilanciare la sfera affettiva con le proprie insicurezze e con i propri desideri. Il viaggio che affrontano Ralph e Vanellope è simile a quello di molte altre persone, le quali devono capire che il valore di un legame non si valuta in termini di possesso, ma di rispetto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here