mercoledì, Febbraio 8, 2023
Home I Festival Torino Underground Cinefest

Torino Underground Cinefest

Botox – Thriller iraniano diretto da Kaveh Mazaheri

Botox è un film del 2019 scritto e diretto dal regista iraniano Kaveh Mazaheri. L'opera in questione racconta la storia due sorelle, Akram e Azar, coinvolte in un tragico evento.

Torino Underground Cinefest – Il programma dell’ottava edizione

Il 19 agosto 2021 il direttore artistico del Torino Underground Cinefest, Mauro Russo Rouge, ha presentato il programma della manifestazione.

Torino Underground Cinefest – La divulgazione del cinema indipendente

Dal 2 al 9 settembre 2021, presso il Cinema Ambrosio e il CineTeatro Baretti di Torino, si svolgerà l’ottava edizione del Torino Underground Cinefest, il festival ideato e diretto dal regista Mauro Russo Rouge, e proposto dall’Associazione Culturale SystemOut e dell’Università Popolare ArtInMovimento.

Resta connesso

3,321FanLike
211FollowerSegui
39FollowerSegui

Gli ultimi articoli

Nope – “Certi animali non sono fatti per essere addestrati”

Nope, scritto e diretto da Jordan Peele, è il terzo film firmato dal regista newyorkese ed è la sua terza perla. La trama è lineare con un colpo di scena ben piazzato, che colpisce lo spettatore senza sconvolgerlo e che si lega perfettamente al filo della narrazione.

Malcom in the middle – perché riguardarla oggi?

Malcom in the middle è una serie iniziata nell'ormai lontano anno 2000. Un must per chi tra i lettori è nato negli anni '90

Il primo giorno della mia vita – Paolo Genovese affronta il tema del suicidio

Il primo giorno della mia vita è l'ultima fatica di Genovese. Racconta le vicissitudini di quattro persone che si vogliono suicidare e di un uomo misterioso che tenterà di dissuaderli dall'insano gesto

Avengers contro Thanos – chi ha ragione veramente?

Avengers contro Thanos per salvare l'umanità o per permetterle di autodistruggersi?

Babylon – Damien Chazelle destruttura il cinema e omaggia lo spettatore.

Babylon apparentemente si limita a raccontare il passaggio dal cinema muto a quello sonoro, avvenuto a cavallo tra il 1927 e il 1930. In realtà, in questa pellicola dagli echi felliniani, scorsesiani e tarantiniani c'è molto di più. In essa è presente il senso stesso della Settima Arte.